La Grecia e i valori europei

Mai dire mai ed infatti rieccomi.
Oggi ho voglia di cazzeggiare un po’.
E allora mi dedico a leggere quel che si scrive e guardo quello che succede nel mondo.
Sembra che tutto ruoti intorno alla Grecia e al suo possibile fallimento e conseguente uscita dalla zona euro. Il mio pensiero a riguardo è molto chiaro: non me ne frega un cazzo.
I greci falliranno e le banche che hanno prestato soldi ai greci dovranno aspettare a recuperare i lori crediti o li vedranno in parte stralciati o si prenderanno un pezzo di Partenone come risarcimento.
La Grecia esce dall’euro? E chi se ne frega. Gli Inglesi non ci sono mai entrati e vivono lo stesso come anche i Russi e tanti altri popoli.
L’Euro è un problema solo per coloro che l’hanno adottato e non per quelli che non ce l’hanno.
Ma mentre stiamo a parlare di euro, soldi, Grecia..finanziamenti, default ect ect..mi è capitato anche di leggere una cosa e cioè un’intervista al presidente ucraino Poroshenko. Sì propro lui, vi ricordate? Ucraina? Guerra? Dombass..maidan…libertà ect ect ect?
E’ stato il punto centrale di ogni discussione che si rispettasse per molto tempo, ci sono stati servizi televisivi ogni giorno per mesi. Poi…il nulla… si è passati alla Grecia e a parlare ancora di Balotelli e Corona.
A che punto è la situazione? C’è stato il cessate il fuoco…sì..in teoria..in realtà è tutto esattamente come prima. Si spara e si muore esattamente come prima.
La casa di miei conoscenti a Donetz è stata colpita per la terza volta dall’inizio dei combattimenti e non perché sono sfigati..ma perché i bombardamenti sono continui.
Ebbene, il presidente Poroshenko in questa intervista chiede aiuto agli Stati Uniti per avere armi più potenti, ammette che ci sono i coordinatori militari americani, inglesi e canadesi a sostegno delle truppe ucraine e dice che le sanzioni contro la Russia devono continuare,.
Paradossalmente dice anche che sa benissimo che questa guerra non si può vincere militarmente (e allora che cazzo chiedi armi se sai che non puoi vincere?) ma che con l’aiuto dell’europa e degli stati uniti facendo pressioni sulla Russia ce la si può fare.
Gli fanno notare che le sanzioni stanno costando più care all’europa e che gli effetti sull’economia russa sono poco o niente e che le imprese esportatrici europee ne hanno piene le palle di perdere soldi.
Il buon uomo se ne esce con una frase da libro Cuore e la ripropongo tale e quale come da articolo letto :
“Agli europei dico che ci troviamo di fronte a un dilemma antico, la scelta tra il denaro e i valori. Ma l’Unione Europea è fondata sulla condivisione di valori come la democrazia e la libertà, esattamente quelli che noi oggi stiamo difendendo.”
Bella frase…certo che pensando alla Grecia…ecco perché non si parla più della crisi ucraina..perchè l’europa sta seguendo i propri ideali..e cioè i valori..sì quelli delle banche.
Povero Poroshenko…un cioccolataio prestato alla politica.
L’articolo lo trovate qui

Saluti a tutti, si chiude.

Ebbene sì, dopo sette lunghi anni si chiude.
Bibiebibo chiude e non se ne sentirà più parlare. E’ un ritorno alla realtà.
Per sette anni ho scritto in terza persona, ho espresso le mie idee e le mie emozioni dietro un nickname, ora basta.
Il nickname sparisce e tutto finisce.
Perchè? Perchè non ho più stimoli e perchè ho deciso di chiudere con il virtuale e limitarmi alla vita reale che in questo momento mi sta creando non pochi problemi.
Per anni ho scherzato sui problemi della mia vita reale, ora sembra che hanno vinto loro.
Per rendere un’idea..non ho pagato le tasse quest’anno…ma semplicemente perchè non avevo i soldi per poterlo fare.
Negli ultimi anni ho fatto una serie di errori notevoli..sia dal punto di vista lavorativo che sotto il profilo della vita personale…scelte sfortunate alcune…scelte scellerate altre..che mi hanno portato a questa situazione.
Ma non mi lamento..non sono ridotto alla canna del gas…anche perchè magari non ho pagato neanche quello..però ho capito che è finito il tempo del cazzeggio e delle ore passate davanti ad uno schermo. E’ finito del tutto anche lo sperperare soldi inseguendo attimi fugaci e sensazioni finte…ero già riuscito a farlo..poi ho avuto una ricaduta..disastrosa..ma ora ho chiuso.
Quindi passiamo ai saluti…sarò breve…un caro saluto a coloro che mi hanno sopportato e conosciuto “virtualmente” in questi anni.. a coloro che si sono soffermati anche solo per un attimo a leggere queste cazzate..a coloro che mi hanno conosciuto in altri luoghi….in pratica un caro saluto a tutti coloro che mi hanno voluto bene e mi sono stati “amici”.
a.y.s Bibi
P.S. mi sono dimenticato di salutare gli altri? No assolutamente..semplicemente degli “altri” non me ne fotte un cazzo..dei falsi amici..dei falsi in generale e più ancora in generale..di tutti coloro a cui stavo sulle palle..non me ne mai importato nulla..e men che meno ora.

Che bella la vita!

Tutto è bene quello che finisce bene….e la cosa meravigliosa è che finita bene una cosa …ne ricomincia un’altra ancor più fantastica…
che bella la vita talvolta…ti sorprende sempre.
sei nella merda più profonda e sei disperato e quando sembra che tutto sia nero….ecco che ti regala la luce di una cometa splendente..
sì..vale proprio la pena di vivere e di penare per vivere

4 Luglio Indipendence Day

Oggi è il 4 luglio noto ai più come ill giorno dell’Indipendenza cioè il giorno in cui gli Stati Uniti d’America si resero indipendenti dalla Grande Inghilterra che allora dominava il mondo conosciuto.

Recentemente ho scoperto che in realtà il giorno preciso fu il 2 luglio ma queste sono bazzecole.

Quello che mi sta a cuore e su cui voglio riflettere è un’altra cosa…ma veramente è stato un bene?

Cioè…se non ci fosse mai stato un “Indipendence Day” il mondo sarebbe migliore o peggiore?

Pensateci bene…la prima guerra mondiale…la seconda guerra mondiale ci sarebbero mai state se il Regno Unito avesse avuto ancora la Colonia Americana?

Hitler avrebbe avuto ancora la folle idea di sbarcare a Londra? Probabilmente sarebbe rimasto a fare l’imbianchino a Vienna.

Ci sarebbe mai stato un 11 settembre?

Osama Bin Laden avrebbe rotto tanto i coglioni?

Ci sarebbe uno Stato di Israele con i relativi smarronamenti?

A pensarci bene…non so mica che cazzo si festeggi oggi in america..secondo me …noi non abbiano proprio un cazzo da festeggiare.

Nuovo look

Nuovo look..nuova veste grafica…chissà magari mi aiuterà a farmi tornare la voglia di scrivere.

Non ci spero molto visto che anche il nuovo look è un po’ tetro..però vediamo, potrebbe essere una sorpresa.

Facebook è down! Evviva…!!!

Facebook is down! Facebook è giù…irraggiungibile!

Il 19 giugno 2014 è il nuovo Indipendence Day! Il giorno della libertà da questo fastidiosissimo e rompicazzo social-network.

Immagino i volti affranti..sconvolti dei facebook-dipendenti (non quelli che ci lavorano…) che ansimanti provano tutte le soluzioni possibili per raggiungere l’agognata pagina su scrive la solita marea di cagate e punzonare le solite migliaia di “i like” su altre migliaia di cagate scritte da altri migliaia di cazzoni.

Si prova facebook light..ma niente…si prova con il facebook mobile..nulla…si prova infine con facebook basic…nulla..sempre e solo lo stesso risultato.

Evviva…liberi….è il giorno della libertà!

No..purtroppo no. Tutto è tornato come prima…è stato bello sognare..è stato bello vivere per pochi minuti come un essere autonomo e pensate..è stato bello.

Ora tutto come prima…migliaia di cagate invaderanno il web e saranno sparse per il mondo e diventeranno verità e modelli di vita..

Ma leggere qualche libro invece di scrivere su Facebook no?  Troppa fatica per i neuroni?

Resistere…resistere…sempre contro in direzione ostinata e contraria al grande fratello…resistete…qui è John Connor che vi parla…resistete..la resistenza vive.

I selfie

Navigando qua e là cioè in pratica cazzeggiando, mi son messo a guardare le foto che il popolo del web mette proditoriamente e a mio parere, imprudentemente online.
Ce ne sono di vario tipo e dipendono dall’età e dal sesso..dagli “anta” in su..sono le classiche foto stile cresima…e quindi lasciamo perdere
Guardiamo invece la categoria più alla moda del momento : i selfie (che sono sotto gli “anta” e forse anche “enta”)
Le selfiste sono solitamente ragazze giovani (o anche pseudo tali..) con un discreto corpo (o pseudo tale anche qui..) che s’immortalano in svariati momenti della loro vita con i cellulari e poi postano il risultato..che talvolta è anche comico.
Una caratteristica abbastanza comune è la bocca stile Nina Moric e cioè “canottata” come la definisco io…ovvero le labbra molto esposte. Altra caratteristica abbastanza comune è l’apparente casualità della posa..che invece è stata sicuramente oggetto di infinite varianti e prove sino all’ottenimento di quella che viene considerate “the ultimate”.
Controindicazioni a tale categoria? Mah..personalmente nessuna credo..a parte forse la dimostrazione di un ego un pò troppo sviluppato o al contrario di un forte desiderio di attenzione della serie “ehi ci sono anch’io al mondo..non dimenticatevi di me!”
Poi ci sono ovviamente i “selfisiti” che sono i ragazzi.
Qui ho notato un particolare curioso..non so la percentuale ma in moltissimi scatti i ragazzi hanno la tendenza a mostrare la lingua (stile Del Piero) e/o mostrare le tre dita nel vecchio simbolo dei metallari DOC.
Se posso capire le dita…la lingua mi lascia perplesso. Non ne capisco il motivo..la necessità…per quale motivo devo mostrare al mondo che ho ancora le adenoidi oppure no? Quale input sessuale scatena l’esibizione di una lingua in un pubblico femminile (ammesso che questa sia la ragione per la quale venga mostrata..)?
Ovviamente anche oggi non avevo un cazzo da fare e quindi ho scritto due stronzate…però…fateci caso, guardate le foto che trovate in giro in rete..

Io e Rocco…anime gemelle

L’altro giorno seguivo un’intervista a Rocco Siffredi.Premessa..non seguo il sig. Siffredi, so come tutti che ha un attrezzo superiore alla norma e l’ho anche visto (non dal vivo ..eh..non cominciamo..).Però devo dire è mi è diventato simpatico in questa intervista.Ha avuto un colpo di genio..una trovata mica male.In pratica.. il sig. Siffredi comincia ad avere una certa età, non è più un ragazzino anche se l’attrezzo funziona egregiamente. Ed allora nell’intervista lancia una nuova moda. Oggi ci sono le MILF (acronimo di Mother I’d Like to Fuck ossia Mamma che mi piacerebbe scopare) che sono le signore di una certa età..non più di primo pelo ma che stimolano la trombata in ogni caso e spesso sono i ragazzini che hanno questo stimolo. Nulla di nuovo sotto il sole i vecchi dicevano: gallina vecchia fa buon brodo…
Comunque il sig. Siffredi che fa? Sii inventa i FILF ossia Father I’d Like to Fuck cioè il Papa che mi piacerebbe scopare!…Beh..geniale..e visto tutte le cose ho in comune con il sig. Siffredi..(no..mi spiace..quello non è affatto simile…però fa molto ridere..) ho deciso di aderire all’iniziativa..e quindi …donne…non perdete tempo ecco il vostro FILF!!!
P.S. non perdete tempo ..perchè tra un pò..non c’è molto da fare..sapete..ad una certa età…
W i FILF!
PP.SS. ad una data ora dovrebbe essere proibito accedere a facebook o comunque a qualsiasi strumento dove uno possa scrivere e pubblicare qualcosa..specie se ha bevuto…:)<